Availability: Disponibile

Ciò che resta della notte

12,35

Autrice: Anna Paradisi
Prefazione: Isabella Leardini
Collana: Interno Libri, Premio Ritratti di Poesia. Si stampi
ISBN: 979-12-81315-08-2
Data di pubblicazione: 4 dicembre 2023
Pagine: 76
Formato: 13×19 cm

Collana:

Descrizione

“Ciò che resta della notte” è il racconto in versi di cosa succede quando un figlio decide di nascere senza respiro; Anna Paradisi, nella raccolta d’esordio vincitrice del premio “Ritratti di Poesia. Si stampi”, cerca di dare voce a tale mancanza. Ma di una notte che sembra non finire c’è qualcosa da salvare, l’esperienza di un amore che merita di restare e porta a rifiorire. Come indica nella prefazione Isabella Leardini: «Forse occorre l’incoscienza di una ragazza, la sua dura metamorfosi nel buio, per raccontare cosa sia una madre che non diventa madre. Per raccontare la maternità che resiste, cammina, vive incarnata in un corpo che nessuno chiamerà mamma».

 

Ancora non sai che il tuo nome
sarà pieno di luce
il primo battito d’ecografo
per una donna sterile.
E anche adesso che non sei
mi viene quasi da chiamarti
quando mi accarezzo la pancia
come se ci fossero già le tue mani
da afferrare, il tuo respiro da aspettare.
Tu non sarai mai carne
e questo nome che ti chiama in un soffio
resterà preghiera.

 

*

 

Tu non hai mai avuto
paura del buio, e vai in discesa
fino al centro della mia pancia
fino ad incontrare la morte
che mi porto addosso.
Da lì sembro quasi un albero
di quelli che si vedono dal treno
soli in mezzo ai campi
che non fanno ombra a nessuno.

 

*

 

Vorrei avere le parole
quelle giuste
per dire che da quando ci sei tu
le ginestre fioriscono in ottobre
per dire le tue mani
sul mio corpo
che oggi nasco, e muoio
e sono ginestra, e sono il canto
della pioggia alla finestra.
Vorrei avere le parole
quelle giuste
di quelle che si lasciano dietro l’orecchio
per ascoltare quando si va a dormire.